Controllo post-operatorio scoliosi

postato in: Trattamento | 0

Ecco il controllo radiografico post-operatorio dell’ultima scoliosi dell’adolescente che ho operato. Si tratta di una grave scoliosi di oltre 90° estremamente rigida che è stata corretta chirurgicamente a meno di 40°.

La correzione della deformità ottenuta è a mio modo di vedere ottimale da tre punti di vista:

  1. entità della correzione in relazione alla rigidità della scoliosi ed alla densità dell’impianto
  2. area selettiva toracica di strumentazione con artrodesi
  3. armoniosità della correzione in relazione alla possibilità di compenso delle curve secondarie

La scoliosi si presentava molto strutturata e rigida per cui è stato molto difficile nonostante le osteotomie riuscire ad ottenere la correzione della scoliosi. Inoltre la correzione è stata ottenuta con una densità di impianto medio-bassa (poca strumentazione) che significa meno rischi per il paziente.

L’area di strumentazione della scoliosi che ho scelto è stata “selettiva” solo della curva toracica primaria con ovvi vantaggi per il paziente in termini di minor invasività chirurgica e maggior mobilità post-oepratoria.

La correzione della scoliosi ottenuta è stata ARMONICA in relazione alle curve di compeso prossimale e distale non strumentate. Il risultato è quello di un ottimo bilancio sia sul piano frontale che sagittale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.